La zucchina furba

Ricette facili, veloci e super originali!!


2 commenti

Cuori di polenta al forno

cuori

Dopo un’assenza decisamente prolungata sono finalmente tornata a scrivere!

Tra problemi di connessione e alcuni nuovi impegni lavorativi ho avuto meno tempo del solito…cercherò di recuperare!

Visto l’avvicinarsi di San Valentino vi propongo un’altra ricetta valida per una cena romantica: cuori di polenta al forno, da farsi con della polenta avanzata del giorno prima oppure polenta confezionata pronta da tagliare a fette.

Sono un simpatico finger food o un contorno diverso dal solito!

Ingredienti (per due persone):

  • polenta del giorno prima oppure confezionata da tagliare a fette
  • rosmarino tritato, q.b.
  • parmigiano grattugiato, q.b.
  • pepe
  • una  formina per biscotti a forma di cuore

Preparazione:

Iniziate tagliando la polenta a fette spesse circa un centimetro e larghe a sufficienza per essere intagliate con una tagliabiscotti a forma di cuore e in modo che non si crei troppo spreco dai ritagli di polenta. Intagliate delicatamente dei cuori usando il tagliabiscotti e, una volta pronti, disponete i cuori sopra una teglia per il forno che avrete precedentemente foderato con un foglio di carta oleosa, tenendo conto di mantenere una certa distanza tra l’uno e l’altro.

Condite i vostri cuoridi polenta con il parmigiano grattugiato, una generosa spolverata di pepe e del rosmarino tritato, quindi infornate a 200 gradi in forno ventilato preriscaldato, finché non si saranno ben dorati in superficie e, soprattutto, finché non si sia formata in superficie una crosticina croccante.

Non appena pronti, servite immediatamente i vostri cuori di polenta ancora bollenti, saranno perfetti come antipasto ma anche come accompagnamento per un piatto di verdure grigliate o un secondo a base di carne.


2 commenti

Strudel salato patate, speck e fontina

strudelspeck

 

In questi giorni sono dilaniata da un raffreddore persistente che sto combattendo a colpi di vitamina C, efedrina e  paracetamolo ma il malanno non demorde e l’efedrina mi rincoglionisce come non mai…ciò nonostante, anche se non sono praticamente più in grado di sentire i sapori, non rinuncio a dilettarmi con il mio blog e le mie ricette…soprattutto non rinuncio a fotografare quasi tutto quello che porto in tavola, con buona pace dei miei commensali che ormai si stanno abituando a vedermi improvvisare piccoli set fotografici in cucina.

Ma quant’erano noiosi i pranzi e le cene prima dell’invenzione degli smartphone? 😀 Quanto erano poco riconosciute le nostre fatiche in cucina? Pensate a generazioni e generazioni di grandi cuochi casalinghi costretti a relegare le loro creazioni nell’oblio o nella labile e fuggevole memoria di soli amici e parenti stretti, mentre oggi persino io, che a malapena riesco a non far impazzire una maionese col minipimer, posso deliziarvi con fotoracconti delle mie imprese culinarie e condividerle col mondo intero…

Anche la mia pagina facebook ultimamente mi sta dando  non poche soddisfazioni, vedo che ci sono persone molto simpatiche che mi seguono e in modo del tutto disinteressato condividono le mie modeste creazioni e la mia passione, ed è bello scoprire che ho tante “colleghe” (nonché alcuni colleghi) con cui scambiare idee e ispirazioni…

Vi posto quindi una ricetta che ho fatto qualche giorno fa e che, come vuole la tradizione della Zucchina Furba, è buona e facilissima!

Si tratta di uno strudel salato che per la sua versatilità può essere un ottimo accompagnamento all’aperitivo, ma anche un gustoso antipasto o un primo. Se accompagnato da insalata diventa anche un secondo piatto leggero ed un perfetto salvacena perchè è molto veloce e semplice da preparare ed ha un profumo delizioso!

Ingredienti per 1 strudel:

  • Un rotolo di pasta sfoglia fresca
  • 80 gr. di speck
  • 50 gr. di fontina tagliata a fette sottili o a dadini
  • 1 patata di medie dimensioni (o 2 piccole)
  • 100 gr. circa di besciamella
  • mezzo rametto di rosmarino
  • olio EVO
  • sale

Preparazione:

Per prima cosa sbucciate e tagliate la patata a dadini molto piccoli, mettetela in una ciotola insieme al rosmarino tritato, condite con un filo d’olio e mescolate bene.  Nel frattempo preriscaldate il forno a 180 gradi.

strudel2Srotolate la pasta sfoglia e mettetela direttamente sulla teglia con la sua carta forno. Adagiate sulla sfoglia uno strato di fontina, poi lo speck ridotto a piccoli tranci e i dadini di patata, distribuendoli in modo uniforme e lasciando intorno abbastanza spazio per poi chiudere e sigillare bene la sfoglia.

 

strudel1Infine coprite il tutto con uno strato di besciamella.

Chiudete la sfoglia sigillando bene i bordi con in rebbi di una forchetta e infornate per circa 20-25 minuti a 180 gradi in forno ventilato. Regolatevi voi in base al vostro forno comunque e sfornatelo quando la pasta sarà cresciuta abbastanza e lo strudel sarà bello dorato.

Aspettate un po’ prima di servirlo per dare tempo alla besciamella di raffreddarsi.


3 commenti

Toast di gamberi

toast-di-gamberi-al-sesamoReduce da una serata con memorabile cena al cinese sono giunta alla seguente conclusione: se cucino cinese da sola mangio meglio e evito di fare le 4 di mattina con i sassi nello stomaco e un bicchiere di acqua e bicarbonato sul comodino…così ho deciso di condividere con voi l’unica ricetta cinese che conosco e che so fare, un tipico antipasto da ristorante cinese: i toast di gamberi, ovviamente fritti, ma d’altro canto quando si parla di cucina cinese, che cosa non è fritto??

 

 

Ingredienti per 2 persone:

  • 120 gr, gamberetti sgusciati
  • 4  fette di pancarré
  • 1 albume
  • 2 cucchiai di maizena
  • salsa di soia
  • olio di semi
  • cipolla
  • semi di sesamo q.b.

Preparazione:

Frullate i gamberetti sgusciati insieme alla cipolla tagliata a pezzetti, 3 cucchiai di salsa di soia e la maizena, quindi unite il composto ottenuto all’albume montato a neve.

Mescolate fino ad ottenere un impasto omogeneo. Prendete le fette di pancarré da cui avrete tagliato via i bordi scuri e spalmate abbondantemente il composto su ogni fetta solo da un lato.

Mettete in un piattino i semi di sesamo e premete sui semi  il pancarré dal lato del composto in modo da creare una panatura di semi.

Terminata questa operazione con tutte le fette, tagliatele a metà seguendo la diagonale e friggetele in olio ben caldo in una padella dai bordi alti per alcuni minuti da entrambi i lati.

Una volta cotti, metterli nella carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso e servire ancora caldi.


Lascia un commento

Cocktail di gamberi mexican style

gamberiNatale si avvicina!

State pensando ai regali da fare? Siete pronti per giorni di abbuffate? Avete addobbato a sufficienza la vostra casetta? Io no, come sempre sarò la regina dell’ultimo minuto.

Ma se invece voi non siete come me e per caso vi state chiedendo cosa potreste proporre ai vostri invitati,  un paio di idee ce le avrei…e in questi giorni mi permetterò di suggerirvi alcune soluzioni eleganti, sfiziose e, come sempre, super facili, ideali da proporre ad un cenone di capodanno o della vigilia.

 

Iniziamo con un cocktail di gamberi in versione esotica che prende spunto dalla cucina messicana, uno degli antipasti più universalmente conosciuti ed apprezzati rivisitato e reso decisamente più corposo e gustoso dall’avocado che ricorda la salsa più famosa in Messico: il guacamole.

Ingredienti per 4 porzioni:

  • Foglie di lattuga fresca
  • 1 avocado
  • Gamberetti 100g
  • Gamberetti 100g
  • 1 lime
  •  aneto
  • sale, pepe, olio EVO
  • Per la salsa: ketchup e maionese (50:50) e 1-2 cucchiai di cognac

Preparazione:

salsaLa salsa è fatta mescolando la maionese con il ketchup e il cognac… molto semplice.

 

 

 

 

avocadoTagliate in due l’avocado, eliminate il nocciolo e la buccia, tagliatelo a dadini che spruzzerete bene di lime in modo che non si anneriscano. Prima di comprare l’avocado tastatelo e assicuratevi che sia abbastanza morbido: non so voi ma io quando devo scegliere un avocado non sempre sono fortunata, certe volte mi sembra maturo e poi quando arrivo a casa e lo apro mi accorgo che è ancora acerbo e legnoso. Uno stratagemma consiste nel comprarlo almeno 4 giorni prima in modo che abbia tempo di maturare ancora un po’ di più ma non conservatelo in frigo, deve rimanere a temperatura ambiente.

 

avgambLavate e sgusciate i gamberi e i gamberetti, incidetene il dorso con un coltellino affilato ed eliminate il filo nero. Lessateli per 2-3 minuti in abbondante acqua leggermente salata, scolateli e lasciateli intiepidire. Conditeli quindi con un’emulsione preparata con il succo filtrato di mezzo lime, un filo d’olio extravergine e una presa di sale e di pepe.

 

 

 

finaleAggiungete l’avocado, un pizzico di aneto e la salsa rosa, quindi mescolate e  lasciate riposare la preparazione in frigorifero per 1 ora circa coperta con la pellicola trasparente, così tutti i sapori si fondono.

 

 

 

Potreste presentarli in bicchieri da Martini così sembreranno più funky 🙂 ma può essere servita in piccole ciotole o qualsiasi cosa avete a disposizione.  Per la presentazione lavate e asciugate con cura le foglie più belle della lattuga e ponetele sul fondo di quattro coppette, distribuite la salsa sull’insalata e adagiatevi sopra la salsa di gamberetti. Potete decorare con del lime tagliato a fettine, profumate con un altro pizzico d’aneto e portate in tavola!