La zucchina furba

Ricette facili, veloci e super originali!!


2 commenti

Pasta funghi, salsiccia e zafferano: Norcina “sbagliata”

norcinazaff

Buon inizio di settimana a tutti!

E’ una meravigliosa giornata di primavera anticipata e i miei gatti se la godono prendendo il sole sul terrazzo…come li invidio!!

Sono un po’ presa da diversi impegni ultimamente, ma trovo comunque il tempo di postare una ricetta ogni tanto anche se mi piacerebbe riuscire a fare un po’ di più.

La ricetta di cui vi parlo oggi è nata da uno dei miei soliti esperimenti culinari, che a volte danno risultati felici, mentre altre volte meno…la settimana scorsa ne ho fatti alcuni che non mi hanno convinta affatto, come la torta cioccococcomenta che non credo rifarò mai più… 😀 tra quelli che invece mi hanno soddisfatto a pieno c’è questa pasta che ho deciso di chiamare Norcina sbagliata, fatta con funghi, salsiccia e zafferano.

Il risultato è buonissimo e non ha nulla da invidiare alla norcina originale.

Ingredienti per 2 persone:

  • 180 gr. di pasta
  • una salsiccia
  • 120 gr. di funghi misti
  • panna da cucina
  • zafferano, una bustina
  • olio EVO
  • sale
  • pepe

Preparazione:

Cuocete i funghi in padella con un filo d’olio e quando l’acqua dei funghi si sarà assorbita aggiungete una salsiccia sgranata con una forchetta e fatela rosolare. Aggiungete quindi la panna e lo zafferano, aggiustate di sale e pepe e mescolate bene.

Nel frattempo cuocete la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolatela e versatela nella padella del condimento. Fatela saltare per un minuto circa e servite subito. Se volete potete aggiungere una spolverata di parmigiano grattugiato


3 commenti

Vellutata di carote viola ai funghi

zuppa carote e funghi

Come anticipato nel precedente post, vi parlo di un’altra gustosa e salutare ricetta a base di carote viola.

Pare che in origine le carote fossero di questo colore e fu nel 1720 che gli olandesi decisero di cambiarne il colore in onore della dinastia regnante, gli Orange, e di qui ebbe inizio la trasformazione, che non è avvenuta in laboratori, come per le moderne “modificazioni genetiche”, ma nei verdi campi olandesi, per selezione successiva, partendo da un seme di carota proveniente dall’Africa del nord. Così nel giro di qualche anno si è arrivati ad una carota arancione, perdendo la semenza delle prime che fino ad allora erano viola o bianche.
Le carote viola non possono donarci un’abbronzatura dorata, perché non contengono betacarotene, la sostanza che da loro il color arancio, ma sono comunque ricche di antiossidanti preziosi per la nostra salute e utili per contrastare l’invecchiamento, perché contrastano l’azione dei radicali liberi.

Dopo questa interessante digressione storica che non è tutta farina del mio sacco (fonte) ma che ho voluto riportare leggermente riveduta e corretta (non so quando sia stato scritto l’articolo, ma le carote viola in Italia si trovano abbastanza facilmente), veniamo alla ricetta. Vi avverto che questo tipo di carota macchia molto, quindi occhio agli schizzi mentre le tagliate e mentre cucinate…

Ingredienti per 2/3 persone:

  • 4-5 carote viola di medie dimensioni (di più se sono piccole)
  • 1 patata
  • 200 gr. di funghi champignon
  • 1/2 litro di brodo vegetale
  • 125 ml di latte scremato
  • 2-3 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • erba cipollina
  • olio EVO
  • sale
  • pepe
  • crostini di pane

Preparazione:

Pulite le carote e sbucciate la patata, tagliate la patata e le carote in pezzi grossi e mettetele a cuocere in una casseruola col brodo bollente.

zuppaDopo circa 15 minuti, o comunque quando sia le carote che la patata si saranno ammorbidite, aggiungete il latte e cuocete per altri 5 minuti quindi spegnete il fuoco e frullate il tutto col frullatore a immersione fino ad ottenere una crema liscia. Riaccendete il fuoco e aggiustate di sale e di pepe, aggiungete il parmigiano grattugiato, l’erba cipollina e mescolate bene. Appena riprende l’ebollizione spegnete il fuoco e lasciate riposare la zuppa col coperchio per una decina di minuti prima di impiattarla.

Nel frattempo preparate i funghi puliti e affettati cuocendoli in padella con olio e sale per circa 10 minuti o comunque fino a quando tutta l’acqua non sarà evaporata e i funghi saranno belli morbidi e al grado di cottura che preferite.

zuppacaroteVersate la vellutata nei piatti e adagiate delicatamente sulla superficie dei crostini di pane, quindi versate i funghi (sempre delicatamente) sopra i crostini, spolverate con erba cipollina e servite in fretta altrimenti il pane si bagna a troppo e va a fondo!


1 Commento

Penne alla norcina

norcinaBuongiorno!

Questo weekend come avrete potuto notare mi sono presa una piccola pausa per dedicarmi alle mie due bestiole domestiche che hanno alcuni problemi di salute in questo periodo. Così tra visite dal veterinario, assistenza ai malaticci e somministrazione di medicine e pappe speciali varie sono stata leggermente presa…poi ieri pomeriggio per scaricare un po’ lo stress me ne sono andata ad un evento con degustazioni di dolci e cicchetti vari, e anche lì tra cannoli siciliani e vin brulé ho avuto il mio bel da fare…

Questa mattina navigando in rete mi è capitata sotto gli occhi una ricetta di penne alla norcina, un piatto dal gusto davvero strepitoso che potete gustare nella zona dell’Umbria e dell’entroterra marchigiano (maceratese nello specifico), solo che non conteneva affatto gli ingredienti della norcina che conosco io! Allora mi sono detta che forse era il caso di lasciare alla memoria dei posteri anche la ricetta della norcina, nella variante maceratese della Zucchina Furba.

E’ un primo che racchiude in sé tutti i sapori e i profumi dei boschi e delle montagne di questa zona, calorico quanto basta per affrontare i rigidi pomeriggi invernali, non è di certo un pasto dietetico ma d’altra parte si sa che le cose veramente buone della vita o sono illegali, oppure fanno ingrassare…! Vi raccomando di usare solo panna fresca liquida da eventualmente allungare con un cucchiaio di latte (niente panna da cucina a lunga conservazione: è off limits!)

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 gr. di penne
  • 1 confezione di panna FRESCA
  • 2 salsicce
  • 300 gr. di funghi misti (i più indicati sono i porcini e i chiodini)
  • 90 g. di tartufo nero
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • parmigiano q.b.
  • sale, pepe, olio EVO q.b.

Preparazione:

In una padella cuocete i funghi con l’olio extra vergine, sale e un cucchiaio d’acqua. Fate cuocere per alcuni minuti, il tempo di cottura varia in base alle dimensioni dei funghi. Quando vi sembreranno morbidi e l’acqua sarà in gran parte evaporata aggiungete le due salsicce sbriciolate e fatele cuocere un paio di minuti, quindi aggiungete il vino bianco e sfumate. Quando l’alcool sarà evaporato versate la panna e fate addensare per circa 3  minuti. A questo punto aggiungete il tartufo grattandolo a scaglie dopo averlo spazzolato bene sotto l’acqua corrente. Mescolate e coprite con un coperchio mentre aspettate che la pasta sia pronta.

Fate cuocere le penne in abbondante acqua salata, scolatele al dente e saltatele un minuto in padella con il condimento.

Aggiustate di pepe, spolverate di parmigiano e servite!