La zucchina furba

Ricette facili, veloci e super originali!!


2 commenti

Torta millesemi alle mele

millesemi

Oggi vi presento una torta fatta con farina integrale, semi di lino, cocco essiccato, mele e scorza d’arance. E’ un dolce nutriente e profumato, ideale per una colazione sana ed energetica, ma anche per una merenda sostanziosa!

Solitamente quando cucino tendo sempre a scegliere la farina integrale, sia per le preparazioni dolci che salate, perchè cerco di non far mai mancare un adeguato apporto di fibre alla mia dieta e poi per il sapore più ricco e la consistenza più corposa: quando si inizia ad apprezzare l’integrale difficilmente si torna indietro!

Questa torta con le mele è davvero buonissima, la ricetta prevede come unità di misura il nostro solito vasetto di yogurt:

Ingredienti:

  • farina integrale, 2 vasetti
  • fecola di patate, 1 vasetto
  • zucchero di canna, 1 vasetto e 1/2
  • farina di cocco essiccato, 1/2 vasetto
  • olio di semi, 1 vasetto
  • yogurt alla frutta, 1 vasetto
  • 3 uova
  • 1 bustina di lievito
  • semi di lino, 3 cucchiai abbondanti
  • scorza d’arancia grattugiata, 3 cucchiai abbondanti
  • 2 mele (se sono grandi, 3 se sono piccole)
  • succo di limone q.b.

Preparazione:

Mischiate insieme tutti gli ingredienti secchi in una ciotola (farina integrale, farina di cocco, fecola, lievito e semi di lino) e mescolate bene.

Sbucciate le mele e privatele del torsolo, tagliatele a dadini e mescolateli in una ciotola con qualche goccia di succo di limone per non farli annerire.

Separate i tuorli dagli albumi e montate gli albumi a neve ben ferma con delle fruste elettriche. Metteteli da parte perchè li aggiungeremo alla fine.

Lavorate i tuorli con lo zucchero con l’ausilio delle fruste elettriche fino ad ottenere un composto cremoso, quindi aggiungete lo yogurt (io ne ho usato uno alla banana, ma va bene anche un altro gusto) e continuate a lavorare il composto aggiungendo l’olio a filo.  Unite al composto gli ingredienti secchi e mescolate bene per amalgamare.

Aggiungete gli albumi montati a neve mescolando dal basso verso l’alto per non smontarli, quando si saranno ben amalgamati aggiungete le mele a dadini e la scorza d’arancia. Mescolate e versate in una tortiera foderata con carta forno.

Infornate a 180 gradi in forno statico preriscaldato per circa 40 minuti, controllate la cottura con uno stecchino prima di sfornarla.

Annunci


2 commenti

Brulè di mele

genepy

Buona domenica!

Come state trascorrendo questo pomeriggio domenicale?

Io avevo in programma di fare una serie di cose ma sono vittima del raffreddore più lungo della storia e per questo credo che me ne starò a casa…che in realtà ero guarita, ma poi essendo circondata da appestati  sono stata nuovamente contagiata, così ora sopravvivo solo grazie a santo rinogutt e continuo a rimpinzarmi di vitamine e a buttare giù finte tisane medicinali, tipo tachifludec, della cui efficacia sono un po’ dubbiosa…

Certo che se evitassi di continuare a fare cose tipo andare in palestra a sudare l’impossibile o uscire di sabato sera nei pub fumosi e affollati forse guarirei prima…tra l’altro ho scoperto che bere birra è letale quando si è raffreddati: ieri sera ho preso un’unica birra, piccola oltretutto, e dopo un po’ ero più attappata che mai e con la gola secchissima e bruciante. Probabilmente anche il fatto che nel locale c’era un concerto e quindi ho continuato a cantare a squarciagola per due ore potrebbe aver influito negativamente sulle mie condizioni… si, sono un catorcio ambulante lo so,  non me ne vanto…

Quando è freddo e si è un po’ raffreddati l’ideale sarebbe buttare giù solo cose calde: ho letto da qualche parte che  studi scientifici condotti da prestigiose università americane avrebbero confermato i benefici del brodo di pollo quando si è influenzati, pare che timoli le difese immunitarie e abbia proprietà antiinfiammatorie. Quindi da stasera ho deciso che mi nutrirò di brodo per i prossimi giorni…

Oggi però non vi darò la ricetta del brodo di pollo, ma di un’altra bevanda calda che non so se abbia proprietà terapeutiche di qualche tipo, ma di una cosa sono certa: è estremamente piacevole e buonissima!

Se siete amanti del punch e del vin brulè, non potrete lasciarvi sfuggire questa deliziosa ricetta alcolica del brulè di mele, che io ho scoperto di recente e ho voluto riproporvi nella mia versione leggermente semplificata rispetto all’originale. Da bere in compagnia durante le fredde serate invernali, è un piacevole ristoro quando si è infreddoliti!

Ingredienti per una tazza: 

  • Grappa 1/3 scarso di tazza (2 dita circa)
  • Succo di mela 2/3 abbondanti (aumentate la quantità a vostro piacimento)
  • Scorza di limone non trattato
  • cannella a bastoncini (1 bastoncino è per un litro circa, quindi calcolatene 1/4 di bastoncino per ogni tazza)
  • chiodi di garofano (1 per tazza)

Nella foto come potete vedere invece della grappa compare una bottiglia di Genepy, che, per chi non lo conoscesse,  è un liquore piemontese dalla gradazione simile alla grappa ma dal sapore più dolce e ho usato proprio quello che vedete nella foto per preparare il mio brulè ma non so se si trova facilmente, quindi se non riuscite a reperirlo potete usare la grappa che va benissimo comunque.

Anche per il succo di mela vi consiglio di prenderne uno di alta qualità composto al 100% di mele, è più costoso ma la differenza si sente.

Preparazione:

Scaldate gli ingredienti insieme in un pentolino e quando accennano a bollire abbassate la fiamma, lasciate sobbollire  il tutto coperto a fiamma bassissima per circa 15 minuti, quindi filtratelo.

Aspettate che raggiunga una temperatura bevibile e gustatelo ben caldo. 🙂


4 commenti

Couscous in insalata di pollo alle mele

couscous-salad-ck-642263-l

Un piatto che mi piace molto cucinare specialmente quando ho gente a cena è il couscous: è facile da fare e si può condire veramente in tutti i modi, inoltre ha il non trascurabile vantaggio di essere economico perchè generalmente è accompagnato da carne e verdure e quindi costituisce un piatto unico. Si porta in tavola tutto insieme e ognuno si serve da solo. Pratico e comodo no?

Ora se vi state chiedendo dove ho imparato a cucinarlo è presto detto: ho letto le istruzioni di cottura dietro la scatola acquistata al supermercato e ho improvvisato.  Per tanto gli esperti del couscous (se esistono) o di cucina etnica in genere non storcano il naso se la mia ricetta è abbastanza italianizzata, non ho idea di come lo cucinino nei paesi in cui il couscous è un piatto quotidiano e fa parte della tradizione gastronomica locale, una volta l’ho mangiato durante un viaggio in Tunisia e non mi è sembrato tanto diverso da quello che faccio io, ma forse anche il tedesco medio quando mangia pasta scotta condita con salsa ketchup ha l’impressione di mangiare italiano…probabilmente io sto a couscous come il suddetto tedesco sta all’amatriciana 😀

Vi assicuro comunque che il risultato è ottimo e etnico quanto basta! 😉

Se non lo fate spesso forse sarete indecise sulla dose di couscous da usare a persona: io di solito lo doso con dei bicchieri da acqua piuttosto capienti e un bicchiere bello pieno mi basta per 2 persone. Aggiungete una uguale quantità d’acqua (un  bicchiere d’acqua per ogni bicchiere di couscous).

Ingredienti per 4 persone 

  • 2 bicchieri grandi di couscous
  • 500 gr. di petto di pollo
  • 1 cipolla
  • 2 zucchine
  • 3 carote
  • 3 mele golden
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 1 cucchiaio di salsa di pomodoro
  • 1 cucchiaio di uvetta
  • olio di semi
  • olio EVO
  • 1 scatola di ceci
  • sale, pepe

Preparazione:


Per cominciare pelate le carote e tagliatele a rondelle. Lavate le zucchine e tagliatele a rondelle. Sbucciate le mele e tagliatele  a spicchi togliendo il torsolo. Immergete in acqua l’uvetta.

Tritate la cipolla e fatela dorare in padella con un filo d’olio EVO, poi aggiungete il petto di pollo tagliato a pezzi (se lo acquistate intero fatelo tagliare a pezzi direttamente dal macellaio, a meno che non abbiate un coltello adatto) e fatelo rosolare, spolverate con la curcuma e aggiungete la salsa di pomodoro, salate, pepate e mescolate.  Aggiungete tre o quattro cucchiai d’acqua, portate ad ebollizione, coprite e lasciate cuocere per 15 minuti.

Aggiungete quindi le carote, le zucchine, le mele, l’uvetta e i ceci. Coprite e fate cuocere per altri 30 minuti.

Cuocete il couscous seguendo le istruzioni riportate sulla confezione, se non ci sono fate così: portate ad ebollizione una quantità d’acqua salata pari a due bicchieri grandi, appena bolle spegnete il fuoco e aggiungete un filo d’olio di semi, versate il couscous e mescolate subito. Coprite e lasciate riposare per 5 minuti, quindi aggiungete una noce di burro e sgranatelo con una forchetta.

Versatelo su un piatto da portata e disponete la carne e le verdure al centro. Servire caldo.