La zucchina furba

Ricette facili, veloci e super originali!!


14 commenti

Spiedini di polpette al sapore messicano

polpette

Care amiche e cari amici della Zucchina, sono settimane che non posto una mia ricetta! Mea culpa…ho avuto talmente tanti nuovi impegni inaspettati, che mio malgrado ho dovuto smettere di cucinare, o almeno ho smesso di cucinare piatti degni di essere fotografati… 😉

Ieri per la prima volta ho avuto una domenica più tranquilla del solito, a parte una piacevole visita in un museo della zona in occasione delle giornate del FAI, c’è stato tutto il tempo per rilassarmi e cucinare, così oggi posso proporvi questa ricetta che è tra le mie preferite in assoluto: spiedini di polpette.

Le mie polpette hanno un aroma davvero strepitoso grazie all’uso di salsa messicana al posto della classica salsa di pomodoro, vi assicuro che fa davvero la differenza e non è piccante! Se amate i sapori piccanti usate salsa piccante. Possono essere mangiate anche da sole con un contorno di purè di patate, ma trovo che lo spiedino con fettine di peperone dia quel qualcosa in più…

Le dosi che vi indico sono per due o tre persone, se avete preparato anche un primo o un antipasto sostanzioso andranno bene per tre, altrimenti per due persone: io generalmente non mangio quasi mai sia il primo che il secondo, mangio o l’uno o l’altro, quindi nel mio caso le dosi sono per due. 🙂

Ingredienti per 2/3 persone:

  • 300 gr. di carne di manzo macinata finemente
  • 1 uovo
  • 3 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2/3  cucchiai di salsa messicana non piccante
  • 1 cucchiaino di erba cipollina
  • 3 cucchiai di pan grattato
  • sale, pepe, olio EVO q.b.
  • 1 peperone verde
  • 1 peperone rosso

Preparazione:

Mettete in una ciotola tutti gli ingredienti (tranne i peperoni e l’olio) ed iniziate ad impastare la carne prima con una forchetta poi, quando la carne vi sembrerà abbastanza schiacciata e gli ingredienti amalgamati, iniziate a lavorarla con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo. Sale e pepe sono a vostro piacimento, mentre per il pan grattato potete decidere di aumentare le dosi se volete delle polpette dalla consistenza più corposa, altrimenti resteranno abbastanza morbide.

Coprite il composto con la pellicola trasparente, ponetelo in frigorifero e lasciatelo riposare per circa mezz’ora. Nel frattempo lavate i peperoni, privateli dei semi, affettateli e ricavatene dei quadrati che devono essere più o meno delle stesse dimensioni delle polpette. Trascorso il tempo necessario estraete l’impasto da frigo e formate con le mani delle polpette leggermente schiacciate.

Infilate le polpette negli spiedini alternandole con le fettine di peperone.

Disponetele su di una pirofila rivestita con carta da forno, condite con un filo d’olio EVO e infornate in forno ventilato preriscaldato a 200° per circa 20 minuti.

Buon appetito!


2 commenti

Strudel salato patate, speck e fontina

strudelspeck

 

In questi giorni sono dilaniata da un raffreddore persistente che sto combattendo a colpi di vitamina C, efedrina e  paracetamolo ma il malanno non demorde e l’efedrina mi rincoglionisce come non mai…ciò nonostante, anche se non sono praticamente più in grado di sentire i sapori, non rinuncio a dilettarmi con il mio blog e le mie ricette…soprattutto non rinuncio a fotografare quasi tutto quello che porto in tavola, con buona pace dei miei commensali che ormai si stanno abituando a vedermi improvvisare piccoli set fotografici in cucina.

Ma quant’erano noiosi i pranzi e le cene prima dell’invenzione degli smartphone? 😀 Quanto erano poco riconosciute le nostre fatiche in cucina? Pensate a generazioni e generazioni di grandi cuochi casalinghi costretti a relegare le loro creazioni nell’oblio o nella labile e fuggevole memoria di soli amici e parenti stretti, mentre oggi persino io, che a malapena riesco a non far impazzire una maionese col minipimer, posso deliziarvi con fotoracconti delle mie imprese culinarie e condividerle col mondo intero…

Anche la mia pagina facebook ultimamente mi sta dando  non poche soddisfazioni, vedo che ci sono persone molto simpatiche che mi seguono e in modo del tutto disinteressato condividono le mie modeste creazioni e la mia passione, ed è bello scoprire che ho tante “colleghe” (nonché alcuni colleghi) con cui scambiare idee e ispirazioni…

Vi posto quindi una ricetta che ho fatto qualche giorno fa e che, come vuole la tradizione della Zucchina Furba, è buona e facilissima!

Si tratta di uno strudel salato che per la sua versatilità può essere un ottimo accompagnamento all’aperitivo, ma anche un gustoso antipasto o un primo. Se accompagnato da insalata diventa anche un secondo piatto leggero ed un perfetto salvacena perchè è molto veloce e semplice da preparare ed ha un profumo delizioso!

Ingredienti per 1 strudel:

  • Un rotolo di pasta sfoglia fresca
  • 80 gr. di speck
  • 50 gr. di fontina tagliata a fette sottili o a dadini
  • 1 patata di medie dimensioni (o 2 piccole)
  • 100 gr. circa di besciamella
  • mezzo rametto di rosmarino
  • olio EVO
  • sale

Preparazione:

Per prima cosa sbucciate e tagliate la patata a dadini molto piccoli, mettetela in una ciotola insieme al rosmarino tritato, condite con un filo d’olio e mescolate bene.  Nel frattempo preriscaldate il forno a 180 gradi.

strudel2Srotolate la pasta sfoglia e mettetela direttamente sulla teglia con la sua carta forno. Adagiate sulla sfoglia uno strato di fontina, poi lo speck ridotto a piccoli tranci e i dadini di patata, distribuendoli in modo uniforme e lasciando intorno abbastanza spazio per poi chiudere e sigillare bene la sfoglia.

 

strudel1Infine coprite il tutto con uno strato di besciamella.

Chiudete la sfoglia sigillando bene i bordi con in rebbi di una forchetta e infornate per circa 20-25 minuti a 180 gradi in forno ventilato. Regolatevi voi in base al vostro forno comunque e sfornatelo quando la pasta sarà cresciuta abbastanza e lo strudel sarà bello dorato.

Aspettate un po’ prima di servirlo per dare tempo alla besciamella di raffreddarsi.


2 commenti

Spigola in crosta di sale aromatico

Spigola-sale

Gente siamo agli sgoccioli, per la Vigilia mancano solo poche ore! Non c’è più tempo dobbiamo già essere organizzati!! Se però siete ancora indecisi su quale dovrebbe essere il piatto forte della serata, ecco per voi una ricetta leggera e buonissima: la spigola al sale (conosciuta anche come branzino, ma io l’ho sempre chiamata spigola).

Il metodo di cottura al sale è tra i più sani e salutari, perchè permette di cuocere senza oli, burro o altri condimenti che alterano il gusto naturale del pesce. La carne resta umida e morbida e, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non sarà così salata, anzi avrà un aroma delicatissimo. Inoltre, cosa da non trascurare, non si sente alcun cattivo odore per casa.  E’ una preparazione davvero semplice, che fa una gran figura!

Ingredienti per 2 persone:

  • 1 branzino da 600 gr. (o due da 300 gr.)
  • 1 kg. di sale grosso
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 6 rametti di timo
  • 3-4 foglie di alloro
  • 2 ciuffi di aneto
  • scorza di un limone grattugiata (limone non trattato)
  • 1 spicchio d’aglio
  • 5-6 foglie di salvia
  • 3 rametti di rosmarino
  • pepe

Preparazione:

Lavate e ritate le erbe aromatiche, l’aglio e grattugiate la scorza del limone, mescolate tutto in una ciotola; una parte del mix aromatico la userete per farcire il pesce, le altre andranno sul sale per aromatizzare la crosta.

Pulite ed eviscerate la spigola, o meglio ancora, fatela pulire ed eviscerare dal vostro pescivendolo i fiducia… comunque sciacquatela sotto l’acqua corrente prima di farcirla. Salate l’interno del pesce, massaggiandolo, e inserite parte del  mix aromatico (un paio di cucchiai circa) nella pancia. Mescolate le restanti erbe aromatiche col il sale grosso e versate in una teglia foderata con carta forno uno strato di sale grosso di circa 2 cm di spessore. Adagiatevi sopra il pesce e ricopritelo  completamente con il restante sale. Cuocete in forno preriscaldato a 200° per circa 35 minuti. Quando la spigola sarà cotta, rompete ed eliminate la crosta di sale, procedete ad eliminare la pelle e apritela in due per eliminare la lisca centrale. Potete servirla irrorato con un filo di olio extravergine di oliva e profumata con una macinata di pepe.

 


2 commenti

Tortino di salmone e patate

tortino-di-salmone-e-patateQuando si tratta di cucinare il pesce il  salmone è in assoluto quello che preferisco, mi piace mangiarlo soprattutto sotto forma di semplice carpaccio con crostini di pane nero tostato spalmati di burro e una spolverata di aneto,  mi viene l’acquolina solo a pensarci… mentre cotto lo mangio meno frequentemente perché trovo che durante la cottura tenda ad assumere una consistenza leggermente stoppacciosa. In questo tortino invece  la consistenza delle patate si sposa alla grande con quella del salmone, creando un perfetto connubio di sapori: è una ricetta straordinariamente semplice e di grande effetto, ottima per una cena invernale, è un piatto che si presenta benissimo!

Ingredienti per 4 persone:

  • 650 gr di salmone in tranci
  • 5 patate abbastanza grandi
  • olio extravergine d’oliva
  • Limone
  • Sale

Preparazione:

Sbucciate le patate e tagliatele a fettine sottili e fatele cuocere per 10 minuti in acqua bollente salata, quindi scolatele.

Sciacquate i tranci di salmone con acqua e sale ed asciugateli con carta scottex o un canovaccio.

Foderate una teglia con carta forno e disponete due strati di patate per preparare la base, salate e coprite con uno strato di salmone, continuate ad alternare gli strati di patate e salmone: dovrete finire con un ultimo strato di patate. Condite la superficie con un filo d’olio, regolate di sale ed infornate per circa 20 minuti in forno ventilato preriscaldato a 180°. Prima di sfornare passate per 5 minuti alla funzione grill.  Servitelo con  il limone spremuto e qualche foglia di rosmarino.


Lascia un commento

Bocconcini di pollo alle patatine

polloQuesta sera vi presento una ricetta molto popolare, un piatto di sicuro successo, facilissimo quanto buono: sono delle deliziose crocchette di pollo fatte in casa con una panatura di patatine fritte in busta triturate a mano.

La lista degli ingredienti è cortissima e anche la durata delle crocchette nel piatto lo sarà, i vostri ospiti le faranno sparire a grande velocità…

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 g. di petto di pollo
  • una busta di patatine

Preparazione:

Tagliate il pollo a bocconcini, aprite la busta di patatine tagliandone solo un angolino per evitare eventuali “esplosioni” del sacchetto mentre le triturate quindi tritatele nel modo che preferite, io uso la seguente tecnica: schiaccio bene tutto il sacchetto con le mani, poi prendo un cucchiaio di legno pesante e lo colpisco più volte (la cosa può essere molto divertente e liberatoria…) poi apro e guardo, se non mi sembrano abbastanza distrutte lo colpisco un altro po’. Potete schiacciarle passandoci sopra con un mattarello in alternativa. Se decidete di tritarle col mixer verrà fuori una polvere di patatine molto fine che sarà ugualmente buona ma la riuscita finale sarà meno croccante, perciò consiglio il metodo “violento”!

Una volta tritate versate le patatine in un’insalatiera e unite i bocconcini coprendoli bene in modo che la panatura aderisca bene da tutti i lati, premete un pochino con le mani se serve.

Fatto ciò mettete i bocconcini sulla teglia foderata con un foglio di carta forno e infornate in forno ventilato per 15 minuti a 180° ma controllateli spesso, se vedete che le patatine iniziano a scurirsi troppo velocemente abbassate la temperatura o eliminate la ventilazione. Non occorre aggiungere olio.

Una volta cotti salateli e pepate, se avete a disposizione del pepe bianco il risultato sarà ottimo.

Serviteli con un contorno di insalata verde e gustateli con le salse che preferite, con una salsa di yogurt fatta in casa avrete un abbinamento perfetto (trovate la ricetta qui).