La zucchina furba

Ricette facili, veloci e super originali!!


14 commenti

Spiedini di polpette al sapore messicano

polpette

Care amiche e cari amici della Zucchina, sono settimane che non posto una mia ricetta! Mea culpa…ho avuto talmente tanti nuovi impegni inaspettati, che mio malgrado ho dovuto smettere di cucinare, o almeno ho smesso di cucinare piatti degni di essere fotografati… 😉

Ieri per la prima volta ho avuto una domenica più tranquilla del solito, a parte una piacevole visita in un museo della zona in occasione delle giornate del FAI, c’è stato tutto il tempo per rilassarmi e cucinare, così oggi posso proporvi questa ricetta che è tra le mie preferite in assoluto: spiedini di polpette.

Le mie polpette hanno un aroma davvero strepitoso grazie all’uso di salsa messicana al posto della classica salsa di pomodoro, vi assicuro che fa davvero la differenza e non è piccante! Se amate i sapori piccanti usate salsa piccante. Possono essere mangiate anche da sole con un contorno di purè di patate, ma trovo che lo spiedino con fettine di peperone dia quel qualcosa in più…

Le dosi che vi indico sono per due o tre persone, se avete preparato anche un primo o un antipasto sostanzioso andranno bene per tre, altrimenti per due persone: io generalmente non mangio quasi mai sia il primo che il secondo, mangio o l’uno o l’altro, quindi nel mio caso le dosi sono per due. 🙂

Ingredienti per 2/3 persone:

  • 300 gr. di carne di manzo macinata finemente
  • 1 uovo
  • 3 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2/3  cucchiai di salsa messicana non piccante
  • 1 cucchiaino di erba cipollina
  • 3 cucchiai di pan grattato
  • sale, pepe, olio EVO q.b.
  • 1 peperone verde
  • 1 peperone rosso

Preparazione:

Mettete in una ciotola tutti gli ingredienti (tranne i peperoni e l’olio) ed iniziate ad impastare la carne prima con una forchetta poi, quando la carne vi sembrerà abbastanza schiacciata e gli ingredienti amalgamati, iniziate a lavorarla con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo. Sale e pepe sono a vostro piacimento, mentre per il pan grattato potete decidere di aumentare le dosi se volete delle polpette dalla consistenza più corposa, altrimenti resteranno abbastanza morbide.

Coprite il composto con la pellicola trasparente, ponetelo in frigorifero e lasciatelo riposare per circa mezz’ora. Nel frattempo lavate i peperoni, privateli dei semi, affettateli e ricavatene dei quadrati che devono essere più o meno delle stesse dimensioni delle polpette. Trascorso il tempo necessario estraete l’impasto da frigo e formate con le mani delle polpette leggermente schiacciate.

Infilate le polpette negli spiedini alternandole con le fettine di peperone.

Disponetele su di una pirofila rivestita con carta da forno, condite con un filo d’olio EVO e infornate in forno ventilato preriscaldato a 200° per circa 20 minuti.

Buon appetito!

Annunci


Lascia un commento

Maccheroni di grano saraceno con le pere e Provolone del Monaco

Dolce Amara Deliziosa

Non solo a tavola non si invecchia, ma si diventa più saggi.

No, non vi sto per parlare di un cibo che aumenta le nostre potenzialità ma dell’arte della cucina e del buon gusto.

Ci avete mai fatto caso che infatti sapore e sapere derivano dalla stessa radice latina?!

Come ci spiega Rosalia Cavalieri, docente di semiotica all’Università di Messina, nel saggio E l’uomo inventò i sapori. Storia naturale del gusto (Bologna, Il Mulino), quello tra gusto e conoscenza è un rapporto a due sensi. Per esempio se si conosce la storia, le particolarità chimiche di un vino, lo si gusta ancora di più.

Mangiare è un atto naturale e istintivo, il saper mangiare è un’esperienza culturale a tutti gli effetti e noi siamo influenzati da vari fattori. Scegliamo un certo alimento basandoci su criteri nutrizionali e qualitativi, ma anche su preferenze culturali, individuali e poste dai mass media.

Questo…

View original post 533 altre parole


3 commenti

Tortino di patate, prosciutto e scamorza

immacucina

20140323-085317.jpg

Questo tortino di patate risale a un po’ di tempo fa per un pranzo tra me e mio marito!
E’ abbastanza veloce, gustoso e pratico perché e’ un piatto unico…e tutto sommato nemmeno troppo calorico perché per legare non ho usato ne uova ne besciamella!
Questa e’ la versione classica ma ci si può sbizzarrire davvero molto arricchendolo con verdure o ortaggi, la prossima volta vorrei farlo o si funghi o carciofi !

Ingredienti
400 gr di patate
3/4 fette di prosciutto cotto
3/4 fette di scamorza
Parmigiano grattuggiato
Latte q.b
Sale
Pepe

Per prima cosa bollire le patate per 10′ con la buccia, quando saranno leggermente cotte pelarle e tagliarle a fette regolari e fate raffreddare.
Rivestite di carta forno una pirofila( meglio se rettangolare ) e adagiare il primo strato di patate bagnate con un goccio di latte.
Assemblate come una parmigiana, alternando prosciutto, scamorza, parmigiano.
Terminate con…

View original post 40 altre parole


6 commenti

Rotolo di sfoglia patate e pesto genovese

Rotolo di sfoglia con patate e pesto alla genovese…buonissimo!

immacucina

20140310-131655.jpg

In questo periodo sono super presa, ho poco tempo per cucinare e per dedicarmi al blog:-(
Vi lascio al volo una ricetta di qualche sera fa, una di quelle svuota frigo e quando non si ha tanto tempo per cucinare, un bel rotolo di pasta sfoglia pronto, un po’ di pesto genovese, qualche patata bollita, un po’ di pancetta….evviva!

Ingredienti
1 rotolo di pasta sfoglia sarebbe meglio rettangolare ( il mio era tondo ma l’ho adattato)
150 gr di pesto genovese
3 patate piccole
50 gr di pancetta
50 gr di parmigiano
Latte per spennellare
Sale
Pepe

Bollite le patate, privatele della buccia e tagliatele a fette.
Stendete il rotolo di sfoglia, poco distante dei bordi di destra o sinistra ( come preferite ) spalmare metà del pesto.
Adagiate le patate sovrapponendole un po’, spennellate con un goccio di latte, aggiungete la pancetta, un pizzico di sale, pepe, il resto…

View original post 33 altre parole


2 commenti

Torta millesemi alle mele

millesemi

Oggi vi presento una torta fatta con farina integrale, semi di lino, cocco essiccato, mele e scorza d’arance. E’ un dolce nutriente e profumato, ideale per una colazione sana ed energetica, ma anche per una merenda sostanziosa!

Solitamente quando cucino tendo sempre a scegliere la farina integrale, sia per le preparazioni dolci che salate, perchè cerco di non far mai mancare un adeguato apporto di fibre alla mia dieta e poi per il sapore più ricco e la consistenza più corposa: quando si inizia ad apprezzare l’integrale difficilmente si torna indietro!

Questa torta con le mele è davvero buonissima, la ricetta prevede come unità di misura il nostro solito vasetto di yogurt:

Ingredienti:

  • farina integrale, 2 vasetti
  • fecola di patate, 1 vasetto
  • zucchero di canna, 1 vasetto e 1/2
  • farina di cocco essiccato, 1/2 vasetto
  • olio di semi, 1 vasetto
  • yogurt alla frutta, 1 vasetto
  • 3 uova
  • 1 bustina di lievito
  • semi di lino, 3 cucchiai abbondanti
  • scorza d’arancia grattugiata, 3 cucchiai abbondanti
  • 2 mele (se sono grandi, 3 se sono piccole)
  • succo di limone q.b.

Preparazione:

Mischiate insieme tutti gli ingredienti secchi in una ciotola (farina integrale, farina di cocco, fecola, lievito e semi di lino) e mescolate bene.

Sbucciate le mele e privatele del torsolo, tagliatele a dadini e mescolateli in una ciotola con qualche goccia di succo di limone per non farli annerire.

Separate i tuorli dagli albumi e montate gli albumi a neve ben ferma con delle fruste elettriche. Metteteli da parte perchè li aggiungeremo alla fine.

Lavorate i tuorli con lo zucchero con l’ausilio delle fruste elettriche fino ad ottenere un composto cremoso, quindi aggiungete lo yogurt (io ne ho usato uno alla banana, ma va bene anche un altro gusto) e continuate a lavorare il composto aggiungendo l’olio a filo.  Unite al composto gli ingredienti secchi e mescolate bene per amalgamare.

Aggiungete gli albumi montati a neve mescolando dal basso verso l’alto per non smontarli, quando si saranno ben amalgamati aggiungete le mele a dadini e la scorza d’arancia. Mescolate e versate in una tortiera foderata con carta forno.

Infornate a 180 gradi in forno statico preriscaldato per circa 40 minuti, controllate la cottura con uno stecchino prima di sfornarla.


4 commenti

SpongeBob Lemon Bars

SpongeBob Lemon Bars

Ma che Bontà

Rieccomi! Se mi seguite anche sulla pagina Facebook, ricorderete che qualche settimana fa, avevo condiviso questo video con la ricetta delle tipiche barrette al limone americane decorate a mo’ di SpongeBob. Alcuni di voi mi avevano chiesto la ricetta in italiano, perciò eccomi qui a onorare la promessa con la ricetta di oggi! SpongeBob a parte, sono buonissime, quindi vi consiglio di provarle anche se non dovete cimentarvi nella decorazione!
Some weeks ago I shared on my Facebook Fan page the videorecipe of these SpongeBob Lemon Bars made by Rosanna Pansino, on her YT Channell, Nerdy Nummies! I love her and her videos and I invite you to see her video and follow her recipe, click here.

spongebob lemon bars

Le barrette al limone sono molto semplici da preparare e se amate i dolci al limone sono un must! La base è una frolla/crumble non troppo dolce, mentre la copertura è…

View original post 722 altre parole


5 commenti

Vellutata di patate viola e origano di Pantelleria

Vellutata di patate viola e origano di Pantelleria

Parole di Gusto

Oggi ho pensato di proporvi una ricetta salata un pò diversa dal solito… è sempre presente del pane ovviamente 😉

Da qualche mese ho scoperto le patate viola! Ok, va bene… non ho certo scoperto l’acqua calda. Vi confesso però che è una di quelle cose che dopo averla provata per la prima volta mi rendo ora conto di non poterne più farne a meno! Trovo inoltre perfetto questo piatto come entrée  perchè con gli ospiti si fa sempre una gran figura.

Ecco allora l’occorrente per preparare un assaggio di velluta per 6 persone:

600 gr di patate viola

1/2 scalogno

2 cucchiai di olio EVO

2 cucchiai di panna liquida

brodo vegetale

pane tostato a cubetti

1 cucchiaio di origano di Pantelleria

(adoro l’origano prodotto dall’azienda Konza Kiffi che produce il suo origano in assenza d’acqua nei terrazzamenti di Pantelleria e sarà il sole, sarà il mare o chi…

View original post 160 altre parole